Il Giornale di Trieste

Call 3473483364

E-mail: info@gazzettinogiuliano.it

Antonio è un esemplare di Tethyshadros insularis lungo 4 metri e alto 1,30.

Si tratta del più grande e completo rettile preistorico mai ritrovato in Italia, e i suoi primi resti vennero rinvenuti negli anni ’80 nei pressi di Trieste (località Pescatore). Nel 1992 iniziarono gli scavi.

Nel 1996, quando vennero estratte le zampe posteriori, si decise di scavare più in profondità, ed ecco Antonio (tutto intero). Si trattava di un esemplare adulto o sub-adulto (6 anni di età), il quale doveva pesare intorno ai 700kg. Si trattava di un erbivoro vissuto circa 78 milioni di anni fa.

Ad “Antonio” è stato attribuito da alcuni studiosi il sesso femminile, non è al momento scientificamente dimostrabile, tale ipotesi è quindi priva di fondamento.

Sito Paleontologico del dinosauro Antonio
Località Villaggio del Pescatore,
Duino Aurisina, provincia di Trieste

Tipo: Mostra permanente
Sito Paleontologico del dinosauro Antonio
esposizione permanente

Apertura al pubblico di uno dei siti paleontologici più interessanti d'Italia, dove nei primi anni '90 sono stati rinvenuti resti fossili di un esemplare di dinosauro della specie Tethyshadros insularis, appartenente al gruppo degli adrosauri, comunemente denominato Antonio.
Durante gli scavi sono emersi anche resti fossili di coccodrilli primitivi,pesci gamberi e resti vegetali.
merctk

Share
Categoria: