Il Giornale di Trieste

Call 3473483364

E-mail: info@gazzettinogiuliano.it

La bora, certamente è uno dei simboli di Trieste, nel bene e nel male ne è protagonista di tanti giorni.

Ma cos'è la Bora:                              continua dopo la fotogallery



La Bora è un vento catabatico (che cade dall' alto con un' inclinazione, in Triestin "la bora sufia de sora") nord/nord-orientale, soffia nel Mar Adriatico, in Grecia e in Turchia.

Il nome deriva dal fatto che è un vento settentrionale, "boreale", a cui si rifà anche la figura mitologica greca chiamata Borea.

La Bora soffia, in Triestin "sufia", soprattutto a Trieste (e in Croazia a Fiume e Segna, in Slovenia a Aidussina) dove soffia specialmente in inverno ed è definita "Bora chiara" in presenza di bel tempo o "Bora scura" in condizioni di tempo perturbato.

L'aria che letteralmente casca sull'Adriatico, investendo principalmente Trieste e attenuandosi a Nord e a Sud (a Monfalcone e nella parte settentrionale dell'Istria), si incanala attraverso la "porta della bora", una depressione della catena alpina, nelle alpi Giulie, tra il Monte Re e il monte Nevoso.

La bora prosegue il suo cammino lungo la direzione acquisita, giungendo, indebolita, fino a Venezia, a Chioggia ed oltre, causando un vivace moto ondoso. Questo tipo di vento in questa epoca raramente supera la velocità di 150 kilometri all'ora. I triestini sono abituati a questa intensità, un tempo funi e catene (un tempo, invero più frequentemente) venivano spesso stese lungo i marciapiedi del centro di Trieste, per facilitare il traffico dei pedoni nei giorni di vento più intenso. A causa della frequenza dei giorni ventosi, gli edifici devono essere costruiti con opportuni criteri per sopportarne la forza.

Effetti della bora sul tempo: dissoluzione della nebbia

La bora sostituisce l'aria presente sulla città e sul golfo di Trieste con aria più secca di provenienza continentale. Anche in conseguenza del forte mescolamento orizzontale e verticale prodotto dalla forte intensità del vento, la concentrazione locale di aerosol e di qualsiasi "inquinante" eventualmente presente viene rapidamente ridotta a valori minimi.

Effetti della bora sul mare

Gli effetti della bora sul mare sono notevoli. Si formano presto onde gravitazionali di superficie che aumentano di altezza e lunghezza con la distanza dalla riva viaggiando con il vento da Trieste verso WSW. Quando la velocità si approssima a 100 km/h le creste si infrangono assumendo il caratteristico colore: il mare "fuma".

La colonna d'acqua si mescola verticalmente, dalla superficie al fondo, che ha profondità massime di 20-25 m. La bora spinge la corrente marina fuori dal Golfo di Trieste sui bassi fondali dalla parte di Grado; nuova acqua entra quindi dalla parte di Punta Salvore, e si forma così nel golfo una circolazione in senso antiorario con un meccanismo di ricambio molto efficiente. Il livello del mare a Trieste, sotto la spinta della bora, si abbassa di alcuni centimetri

Share
Categoria: